FANDOM


Baron Samedi

Baron Samedi è un importante antagonista nel film di James Bond Live and Let Die. È il principale scagnozzo del Dr. Kananga e un maestro del Voodoo che ha la reputazione di essere "L'uomo che non può morire". Samedi indossa elaborati costumi che assomigliano a una figura simile a Grim Reaper ed è spesso circondato da effetti speciali e oggetti di scena per rafforzare l'idea che sia soprannaturale, anche se l'osservatore presuppone che i suoi poteri siano tutti falsi. Tuttavia, dopo la sua presunta morte, Samedi viene nuovamente visto poco prima della fine del film, lasciando la domanda se sia veramente immortale.

StoriaModifica

All'inizio è visto in un hotel di San Monique, intrattenendo gli ospiti con il suo spettacolo.

Mentre si dirigono verso i campi di eroina di Kananga a San Monique, Bond e Solitaire inciampano in una piccola abbazia nei boschi. Lì, Samedi, ora senza trucco e cappello, siede su una lapide e saluta i due. Dice loro che sarà sicuramente una bella giornata. Bond e Solitaire continuano il loro viaggio e dopo che sono scomparsi, Samedi avverte Kananga con una radio incorporata nel suo flauto.

Dopo che Bond è stato catturato a New Orleans e portato nella fattoria dei coccodrilli, Samedi si incontra con Kananga mentre quest'ultimo affronta Solitaire per il suo tradimento, perché vuole sapere perché lo ha tradito sebbene le abbia dato tutto e lei non ha avuto bisogno di nulla. Lei gli dice che le carte l'hanno previsto. Lui con rabbia la schiaffeggia a terra, dicendole che a suo tempo avrebbe dato il suo amore e che lo sapeva. Dice che c'è un solo modo appropriato per affrontare questo tradimento, al quale Samedi disegna la carta dei tarocchi "Morte", ridendo maniacalmente.

Samedi si incontra di nuovo quando Kananga ordina che Solitaire venga eseguita durante una cerimonia voodoo. Anche se inizialmente sembra che Solitaire debba essere uccisa dal morso di un serpente velenoso, lo scagnozzo che tiene i dorsi del serpente nell'ultimo momento. Un uomo con un cappello quindi si avvicina a una pietra tombale nelle vicinanze e la lascia sulla tomba. Dopo aver bussato tre volte alla lapide con un machete, Samedi si alza dalla tomba con il cappello in testa. A questo punto, Bond si rivela e spara agli scagnozzi di Kananga, incluso quello che tiene in mano il serpente.

Quando spara a Samedi in testa, la testa si spezza semplicemente. Dopo aver sparato al corpo più volte diventa chiaro che non era il vero Samedi ma solo una figura di argilla. Dopo aver combattuto più scagnozzi, un altro Samedi immobile sale da un'altra tomba. Bond lo ignora, ritenendolo un altro impostore, ma il barone Samedi apre gli occhi e inizia a ridere. Poi prende il machete dalla lapide e impegna Bond in un breve combattimento, ma Bond lo colpisce nello stomaco e lo respinge, facendo cadere Samedi nella bara piena di serpenti velenosi, dove viene morso più volte. Alla fine Samedi smette di urlare e non si muove più, e Bond lo crede morto.

Bond usa quindi il machete per colpire la lapide tre volte. È stato rivelato che la tomba in effetti è un ascensore nascosto e il meccanismo porta Bond e Solitaire nel quartier generale sotterraneo di Kananga.

Tuttavia, proprio alla fine del film, Baron Samedi è visto cavalcare sul fronte del treno che Bond e Solitaire stanno lasciando, ridendo mentre la telecamera zooma per concentrarsi su di lui mentre i crediti iniziano a suonare.

GalleryModifica

banalitàModifica

  • Il barone Samedi appare anche nel livello bonus, egiziano, nel videogioco N64 GoldenEye 007 . Viene combattuto e "ucciso" nel livello tre volte, e anche dopo appare di nuovo mentre se ne va.