FANDOM


Emil lavocat

Emil Lavocat è un personaggio immaginario della serie televisiva Walker Texas Ranger. Il suo nome tuttavia nel primo episodio è Orson Wade. È uno dei nemici principali del protagonista Cordell Walker, e uno dei più importanti della serie, essendo la chiave di alcuni avvenimenti determinanti come la morte del primo collega di Walker, e quindi la sua sostituzione con James Trivette, e l'omicidio nella nona stagione di C.D. Parker. Il suo progetto di rapinare contemporaneamente le banche di Dallas prima e di uccidere i ranger che lo arrestarono poi viene costantemente ostacolato da Walker e dalla sua squadra. È interpretato dall'attore Marshall R. Teague.

DescrizioneModifica

Emil Lavocat o Orson Wade è il primo nemico della serie. Nel primo episodio Colpo grosso a Fort Worth, Emil è un ex agente della CIA, ora capo di una vasta banda di rapinatori, che ha seguaci in tutta l'America, tutti abilissimi nella truffa e mai scoperti o arrestati dalla polizia. Emil con la sua banda rapinano numerose banche di Dallas, nelle quali Lavocat quasi sempre finge di essere un uomo cieco che si trova per caso in banca durante la rapina. L'ultimo loro colpo è alla Multinational Bank di Dallas, che riesce ma i criminali si trovano poi inchiodati dal ranger Robert Mobley, e Lavocat è costretto ad ucciderlo. Il ranger Cordell Walker, collega di Mobley, inizia così ad indagare sulla banda e su dove sarà il prossimo colpo. Lavocat infatti ha in mente un piano incredibile: rapinare quattro delle più ricche banche di Dallas in un colpo solo e così comincia a reclutare il maggior numero di uomini possibile, offrendo una possibilità a chiunque si offra volontario. I seguaci di Lavocat aumentano sempre di piu, grazie anche dall'aiuto di un potente avvocato corrotto suo amico, Cliff Garret, che gli porta i migliori pretendenti del Messico.

Il ranger Walker capisce qual è il piano del criminale, ma il capitano Price è invece convinto che i criminali assalteranno una sola banca. Così arrivato il giorno del colpo tutti i ranger si dirigono a quella banca, e Lavocat comincia la sua folle opera. Walker però rimane convinto della sua decisione e da solo riesce a sopraffare pian piano tutti i rapinatori. Lavocat allora innesca una bomba potentissima in un camion dove si trova il ranger, ma grazie all'aiuto dei colleghi, accortisi dell'inganno di Lavocat, riesce a salvarsi. Tenta allora di far uccidere il suo amico C. D. Parker, da Garrett, ma quest'ultimo viene arrestato insieme al resto della banda. Costretto a fuggire, Lavocat viene raggiunto da Walker contro il quale però non riesce a combattere alla pari, e così viene sconfitto e arrestato.

Dopo questo fatto, l'esercito di terrore di Lavocat si sgretola. Nei mesi successivi infatti i seguaci sopravvissuti e quelli che erano riusciti a fuggire all'arresto dandosi alla latitanza, vengono tutti assicurati alla giustizia.

Per quattro anni Lavocat viene rinchiuso in un manicomio criminale; tuttavia verso la fine del 1997 il criminale inscena la sua morte, fingendo di essersi dato fuoco, e viene così creduto morto dai ranger. Comincia a programmare la sua vendetta nei confronti di tutti i ranger che lo arrestarono. Nei successivi quattro anni il criminale diventa un latitante e si rifugia nei bassifondi dell'Albania cominciando a reclutare un nuovo esercito di soldati mercenari.

Il criminale intende eliminare i ranger del gruppo B, che sono 11 in totale, tra cui ci sono Walker, Trivette, C.D., il ranger Wade Harper, ed altri ranger, ovvero tutti quelli che arrestarono lui e la sua banda nel 1993, in modo quindi di eliminare i membri di spicco del corpo dei Texas Rangers. Appena raggiunto un numero considerevole di mercenari per il suo nuovo esercito, nel 2001 il criminale fa ritorno in America. Nell'episodio "L'angelo vendicatore" della nona stagione, i ranger ricevono la notizia della morte di C.D., causata da un infarto. In realtà si scoprirà dopo che è stato proprio Lavocat ad avvelenare C.D., facendolo passare per un infarto come principio della sua opera di distruzione.

Walker1

Emil Lavocat assalta la prigione

Ritorna in carne ed ossa negli ultimi due episodi della serie Scontro finale. Innanzitutto libera quattro dei suoi uomini migliori al tempo dell'arresto nel primo episodio, Robert Chastain, Frank Dollarhide, Jonas Greves e Mike Shiltz, uccidendo tutte le guardie della prigione dove erano rinchiusi. Portatili al suo covo Lavocat spiega ai quattro il suo piano, e insieme ad altri uomini riformano la banda per uccidere i ranger. Gradualmente il criminale e la sua banda compiono una strage: Lavocat uccide il secondo ranger dopo C.D., mentre Chastain e Greves attaccano la casa del ranger Wade Harper, uccidendo lui e sua moglie. Inoltre Dollarhide fa scoppiare una bomba nella macchina di Trivette, che tuttavia riesce miracolosamente a sopravvivere. Il loro piano va però in fumo quando Dollarhide, allontanatosi dalla base, viene avvistato dai ranger, e senza rendersene conto li porta al suo covo. Inizia così la battaglia fra la banda di Lavocat e i ranger. Questi ultimi uccidono tutta la sua banda, mentre il criminale e Walker si ritrovano nuovamente faccia a faccia in un combattimento senza sosta, nel quale stavolta entrambi sembrano alla pari.

Walker6

Emil contro Walker

Durante lo scontro entrambi cadono da una finestra. Sopravvissuti alla caduta, Walker riesce ad innescare una delle bombe che Lavocat aveva nella sua cintura, facendolo saltare in aria con la sua macchina.