FANDOM


Maleagant (alternativamente Meliagant , Meligaunt , Meliagaunt , Meliaganz , Meliagrance, Mellyagraunce , Mellegrans , ecc.) è un cattivo della leggenda arturiana . In diverse versioni di un episodio popolare, Maleagant rapisce la regina Ginevra , rendendo necessario il suo salvataggio da parte di re Artù e dei suoi cavalieri. La prima versione sopravvissuta di questo episodio nomina l'abduttore Melwas . Maleagant debutta nel romanzo francese di Chrétien de Troyes Lancillotto, il Cavaliere del Carro , dove si dice che sia il figlio del re Bagememagus , sovrano della terra ultraterrena di Gorre. Tuttavia, tutte le versioni sopravvissute sembrano essere in seguito adattamenti di una narrativa originale di provenienza significativamente precedente.

OriginiModifica

La prima versione del rapimento popolare dell'episodio di Ginevra appare nella vita latina di Gildas del XII secolo di Caradoc di Llancarfan . In quel testo Melwas, il re del "Paese estivo" ( Gwlad yr Haf , Somerset ), porta Ginevra fuori dalla sua roccaforte di Glastonbury . Artù la rintraccia dopo un anno di ricerche e si prepara ad assaltare il castello, ma Gildas negozia il suo ritorno sicuro. Melwas appare anche in un frammentario dialogo gallese , indicando che questa storia era ampiamente conosciuta in Galles . Una scultura monumentale sull'archivolto della cattedrale di Modena in Italia contiene una scena correlata, in cui Artù ei suoi guerrieri assediano un castello dove un personaggio identificato come "Mardoc" siede con "Winlogee", presumibilmente Ginevra.

Roger Sherman Loomis considerava la forma Maleagant o Meleagans come derivata diretta dei Melwas Brythonic . Ha elencato una serie di varianti, tra cui insieme a Mehaloas, Melians e Malvasius.

Romanzi arturianiModifica

Maleagant ( farcito Meliagant o Meliaganz ) appare per la prima volta sotto quel nome in Lancillotto, il Cavaliere del Carro di Chrétien de Troyes , dove porta Ginevra al suo impenetrabile castello. La regina viene salvata da Lancillotto e Gawain ; questa è la prima grande apparizione di Lancillotto nella leggenda arturiana. Se fosse mai stato più di un cattivo oscuro, il ruolo di Maleagant sembra essere diminuito quando Mordred è diventato più popolare; tuttavia, Maleagant appare nella maggior parte dei resoconti del rapimento di Ginevra. Interpreta quella parte del ciclo Lancillotto-Graal e Le Morte d'Artù di Thomas Malory .

Nella storia Sone de Nansai , Sone visita un'isola che si dice sia stata di Meleagan. Il padre di Meleagan era re Baudemagus e suo nonno Tadus. L'isola di Meleagan è perfettamente quadrata e le sue pareti sono di cristallo. C'è un palazzo ad ogni angolo e al centro, una fontana risale attraverso un corno di rame dorato. Il Ponte della Spada collega l'isola a una strada rialzata, a un tiro di schioppo, che conduce alla terraferma. Ai tempi di Meleagan, molti uomini furono decapitati lì.

Fiction modernaModifica

Maleagant compare nelle moderne recensioni come The Mists of Avalon di Marion Zimmer Bradley e The White e Th Future di TH White (come Sir Meliagrance).

  • Nei romanzi Warlord , dell'autore inglese Bernard Cornwell , basato sulla leggenda arturiana, un personaggio secondario di nome Melwas è menzionato molte volte, qui come il re della tribù dei Belgi , che abitava la regione approssimativamente corrispondente al moderno Hampshire con la sua capitale a Venta Belgarum (moderna Winchester ). A prima vista, l'unica somiglianza tra il personaggio leggendario e quello immaginario sembra essere il loro nome comune, ma, a ben vedere, troviamo alcuni indizi che indicano una possibile intenzione dell'autore di avere la sua finzione Melwas come il suo peculiare versione di Maleagant. Un paio di somiglianze includono il fatto che, nei romanzi, Melwas è un vassallo di Re Uther Pendragon (padre di Artù) e, dopo la sua morte, di suo nipote, il figlio Re Mordred , a cui Artù fa da Reggente durante la sua minoranza, mentre Maleagant stesso era un vassallo di Re Artù. Entrambe divennero membri della Tavola Rotonda nelle sue rispettive versioni nei romanzi e nella leggenda arturiana, ed entrambi tradirono i loro sovrani alzando le armi contro di loro.
  • Nella serie tv francese Kaamelott , Meleagant è un'entità oscura e misteriosa, un dio o un mago, interpretato da Carlo Brandt. Sembra onnisciente, in grado di predire il futuro e apparire nei sogni delle persone. Il suo obiettivo sembra spingere Lancillotto a esplorare i lati più oscuri della sua personalità. Meleagant spinge anche re Artù e l'imperatore romano a suicidarsi. Mentre Caesar muore, Artù sopravvive al suo tentativo di suicidio.
  • Appare nel film First Knight del 1995 come un omicida cavaliere ribelle della Tavola Rotonda , dove è interpretato da Ben Cross .