FANDOM


“ Lo scudo è attivo, il tuo segnale non raggiungerà mai la base ribelle. Tutte le navi qui dentro saranno distrutte. Non perdo altro che tempo. Tu, d'altra parte, muori con la Ribellione! “

~ Le ultime parole di Orson Krennic

“ Siamo qui in mezzo alla mia impresa! Non tua! “

~ Krennic si rende conto che Tarkin rivendicherà la responsabilità della Morte Nera

OrsonKrennic

Il direttore Orson Krennic è il principale antagonista del film del 2016 Rogue One: A Star Wars Story. È il direttore di Ricerca Armi Avanzate per l'esercito imperiale che desidera completare la Morte Nera per l'lmpero e i suoi superiori, Grand Moff Tarkin e Darth Vader .

È stato interpretato da Ben Mendelsohn, che ha anche interpretato John Daggett in The Dark Knight Rises e Danny Rayburn in Bloodline.

Storia Modifica

La Morte Nera Modifica

“ Siamo qui in mezzo alla mia impresa! Non tua! “

~ Krennic, minacciando Grand Moff Tarkin.

Mentre il lavoro sulla Morte Nera è in fase di stallo, Krennic viene inviato a recuperare l'ex ingegnere imperiale Galen Erso. Krenic riesce a localizzare Galen su un pianeta remoto e si dirige lì, accompagnato da una squadra di truppe della morte . Quando Galen affrontò l'avvicinamento di Krennic, Krennic rivelò le sue intenzioni a Galen. Mandò anche i suoi uomini all'interno della casa di Galen, con l'intenzione di usare sua moglie Lyra e sua figlia Jyn come ostaggi per assicurare la cooperazione di Galen. Quando arriva Lyra, Krennic la accoglie pure. Tuttavia, Lyra estrae una pistola e spara a Krennic, colpendolo a una spalla. Krennic, a turno, ordina alle sue guardie di aprire il fuoco e i Death Warop uccidono Lyra. Incapace di trovare il giovane Jyn, Krennic ei suoi uomini lasciano il pianeta con Galen.

Molti anni dopo, l'Impero mantenne Jyn come prigioniero (pur essendo completamente inconsapevole della sua vera identità, dato che aveva usato un alias), finché non riuscì a fuggire con l'aiuto di The Alliance. Krennic fu più tardi presente quando Grand Moff Tarkin mise alla prova la sua Morte Nera. Sotto il comando di Tarkin, Orson doveva scegliere il luogo di destinazione. L'arma è stata testata su Jedha con successo, e aveva lo scopo di distruggere il ribelle Saw Gerrera e la sua cellula partigiana. Sebbene Tarkin si sia congratulato con Krennic per il suo successo, i due hanno subito avuto una breve discussione quando Tarkin ha preso il comando della Morte Nera per motivi di sicurezza, citando fughe di informazioni (compresa la scomparsa del pilota della navetta Bodi Rook) sotto Krennic. Krennic dichiarò la distruzione della città di Jedha con le falle della sicurezza, ma Tarkin indicò che la fuga proveniva dalla struttura di Galen Erso su Eadu.

Krennic in seguito volò al centro di ricerca di Galen e informò che uno degli scienziati era un traditore. Nessuno si fece avanti, Krennic ordinò la loro esecuzione immediata, ma Galen ammise di essere il traditore e non uno dei suoi scienziati. Indipendentemente da ciò, Orson ordina a tutti gli scienziati di Galen di essere ucciso e colpisce Galen in faccia, facendolo cadere a terra. Jyn però è venuto a salvare Galen, ma viene ucciso durante la battaglia, costringendo Krennic a fuggire. Krennic incontrò poi Darth Vader sulla sua roccaforte su Mustafar, che discusse con lui le questioni della Morte Nera e la priorità di distruggere i ribelli. Krennic ha anche tentato di organizzare un incontro con l'Imperatore per discutere i suoi risultati, che Vader ha respinto. Dopo aver tentato di ingraziarsi ulteriormente, Vader interruppe la conversazione con la forza soffocando Krennic, avvertendolo che stava superando i suoi tentativi di ingraziarsi il favore.

Battaglia di Scarif Modifica

Ordinato da Vader per assicurarsi che la Morte Nera fosse perfettamente funzionante e senza problemi di sicurezza, Krennic si diresse direttamente al centro di ricerca su Scarif, dove cercò di trovare i piani di Galen e li mandò a Tarkin. Tuttavia, il suo arrivo coincide con l'attacco dei ribelli alla base, con l'unità Rogue One che tenta di rubare i piani dalla base e trasmetterli alla vicina armata ribelle. Dopo aver individuato diverse detonazioni vicino alla base, Krennic ha inviato le sue truppe fuori da dove hanno ingaggiato le truppe ribelli in battaglia. Sebbene i suoi uomini sembrassero perdere inizialmente, Krennic mandò fuori la sua squadra di guardie personali, i Death Troopers, che girarono la battaglia in favore dell'Impero.

Nel frattempo, Krennic era stato avvisato che qualcuno stava accedendo ai dati dall'interno della base e si diresse immediatamente lì con due delle sue guardie. Trovò Jyn e Cassian Andor che tentarono di scappare con i piani. Krennic ei suoi uomini aprirono il fuoco e riuscirono a colpire Andor mentre saliva sull'ascensore fino all'antenna della base. Andor cadde e rimase immobile sul pavimento.

Inseguendo Jyn che aveva raggiunto l'antenna, Krennic si diresse verso l'ascensore, affrontando infine Jyn che stava per inviare i piani della Morte Nera alla flotta ribelle. Puntando la pistola contro Jyn, Krennic chiese di sapere chi fosse e Jyn rispose che la conosceva già come la figlia di Galen Erso. Jyn gli disse anche che aveva perso, sostenendo che aveva già inviato i piani della Morte Nera alla flotta. Tuttavia, Krennic rispose che lo scudo era ancora operativo, impedendo a qualsiasi messaggio o trasmissione di lasciare il pianeta, e che i pochi ribelli ancora sul pianeta sarebbero morti presto insieme a lei. Krennic ha quindi alzato la pistola per sparare a Jyn, ma è stato invece sparato da Andor che era riuscito a raggiungere la piattaforma dell'antenna da solo. Ferito, Krennic cadde a terra e Jyn riuscì a trasmettere i piani della Morte Nera alla flotta ribelle dopo aver distrutto lo scudo. Quando i due fuggirono dalla base lasciando Krennic sul tetto, Krennic alzò lo sguardo e vide la Morte Nera avvicinarsi a Scarif. Krennic si rese conto che Tarkin intendeva distruggere la base e tutti all'interno, ma non era in grado di fuggire. Krennic fu ucciso quando la Morte Nera aveva sparato il suo laser principale a Scarif e paralizzato la Citadel Tower. Di conseguenza, la base di Scarif fu distrutta, uccidendo tutte le forze ribelli e imperiali di stanza lì. Nonostante la morte di Krennic, il suo voto di uccidere Jyn si avverò quando Jyn e Andor morirono entrambi nell'esplosione della base, anche se la loro morte non fu invano quando si abbracciarono l'un l'altro per la loro missione di successo prima di accettare il loro destino.

La creazione di Krennic era davvero un'arma davvero potente, ma alla fine della battaglia di Scarif, il desiderio di potere di Krennic alla fine portò alla sua stessa distruzione. È stato ucciso dalla sua stessa creazione, anche se va notato che Tarkin ha eseguito l'ordine di farlo.

Curiosità Modifica

  • Le insegne di Krennic all'inizio di Rogue One sono diverse dal resto del film. In questa fase della sua vita aveva un rango diverso, quello di Comandante, quando aveva rapito Galen e non era ancora direttore della Ricerca Armi Avanzate.