FANDOM


“ Guerre? (beffeggia) Guerre? John, John, John. Voglio dire, le guerre, vanno e vengono. No? Abbiamo fatto Vietnam, abbiamo perso. Abbiamo fatto il Golfo, abbiamo vinto, ehi. Ma cosa è cambiato, John? Niente. Mai niente. L'unica differenza è chi si arricchisce e chi diventa morto. Personalmente, John ... Preferisco i ricchi. Eh? “

~ Deguerin giustifica le sue azioni dopo aver rivelato la sua vera natura a Kruger

Robert Deguerin

Il Marshal Robert Deguerin è il principale antagonista del film d'azione del 1996 Eraser . È interpretato da James Caan, che interpreta anche Walter Hobbs.

RuoloModifica

BiografiaModifica

Deguerin era originariamente l'amico e il mentore di John "Eraser" Kruger (l'eroe del film), e lavora per il Programma di protezione della sicurezza dei testimoni federali (WITSEC) come Marshal degli Stati Uniti. Erano amici intimi fino agli eventi del film.

Catturare trafficanti d'armi e CyrezModifica

Durante l'inizio del film, Kruger e l'FBI hanno colto il sentore di una vendita di armi formulata da una compagnia di armi chiamata Cyrez Corporation per vendere fucili a impulsi elettronici ai mafiosi russi guidati dal famigerato terrorista Sergei Ivanovich Petrofsky, che potrebbe portare a una nuova era del terrorismo mondiale. Dopo che il dirigente della Cyrez Corporation Lee Cullen ha procurato un disco contenente le prove in seguito al suicidio del CEO di Cyrez, William Donahue (che era uno dei principali attori della cospirazione), Kruger è incaricato di proteggerla facendola nascondere a New York City. Viene quindi informato da Deguerin che una talpa all'interno della WITSEC ha preso di mira Cullen.

Rivelarsi come la talpa e la battaglia nel portoModifica

Durante una missione per salvare un altro testimone, Deguerin si rivela come la talpa, mentre uccide tranquillamente il testimone. Durante il loro viaggio di ritorno a casa, Deguerin uccide il Deputato Monroe del WITSEC e mostra la sua vera natura a Kruger mentre tenta di incastrare quest'ultimo per la morte di Monroe per facilitare ulteriormente i suoi piani. Viene anche rivelato che il sottosegretario alla Difesa Daniel Harper è la vera mente della vendita di armi e ha assegnato a Deguerin l'eliminazione di Cullen per coprire le loro tracce. Kruger riesce a scappare, ma Deguerin riesce a catturare Cullen e portarla al porto, dove lui ei suoi uomini stanno caricando la spedizione di armi nella nave mercantile di Petrofsky. Alla fine, Kruger arriva in soccorso con l'aiuto di Johnny Castelone (che in precedenza era un testimone collettivo che Kruger aveva salvato in precedenza nel film) e suo cugino Tony Due Dita (che possiede i moli). Con l'aiuto di Johnny, Tony e dei loro associati, Kruger riesce a sconfiggere Petrofsky e i suoi uomini prima di salvare Cullen e consegnare alle autorità un Deguerin gravemente ferito.

MorteModifica

Il giorno dopo, un'udienza si svolge, ma Deguerin ei suoi due cospiratori rimasti (Harper e Morehart) riescono a sfuggire alle accuse di tradimento, dal momento che una condanna e una sentenza per loro non saranno possibili sotto la giurisdizione civile. Mentre escono dalla loro limousine, Kruger finge la sua e la morte di Lee facendo esplodere un veicolo davanti a una grande folla di testimoni, incluso Deguerin stesso. Deguerin crede che l'esplosione sia stata creata da Harper, ma Harper ha ipotizzato il contrario. Entrambi si rendono presto conto che nessuno all'interno della loro cerchia ristretta ha effettivamente organizzato la cosa. La limousine improvvisamente si ferma improvvisamente sul passaggio di un treno e le porte si chiudono. L'autista, che si rivela essere lo stesso Johnny in incognito, esce dalla limousine e fugge dalla zona. Deguerin si guarda ansiosamente intorno prima di ricevere una telefonata da Kruger, affermando che sta per essere "cancellato". Guardando fuori dal finestrino, Deguerin, Harper e Morehart vedono un treno merci che si avvicina costantemente a loro, e Kruger e Johnny restano in attesa di vederlo sbattere contro la limousine, uccidendo definitivamente Deguerin ei suoi cospiratori.

GalleryModifica