FANDOM


“ Complimenti. Sei ancora vivo. “

~ Simon Gruber a John McClane

“ Simon dice. “

~ La linea più famosa di Simon Gruber

Simon2

Simon Peter Gruber è il principale antagonista del film d'azione dal vivo del 1995, Die Hard with a Vengeance . È un colonnello delle forze speciali della Germania dell'Est diventato terrorista e fratello di Hans Gruber . Era deciso a uccidere John McClane per vendicarsi di lui per la morte di suo fratello nel primo film e per rubare lingotti d'oro del valore di $ 140.000.000.000 dalla Federal Reserve Bank. È stato interpretato dal leggendario attore Jeremy Irons, che ha anche interpretato Profion in Dungeons & Dragons e Scar in Il re leone di Disney.

Die Hard With a VengeanceModifica

AperturaModifica

Simon inizia il suo piano facendo esplodere un grande magazzino a New York City. Mentre il NYPD sta cercando di affrontare questo atto di terrorismo, Simon telefona all'ispettore Walter Cobb, che rivendica la responsabilità della bomba. Poi dice a Cobb che vuole giocare a "Simon Says" con il tenente John McClane, o un'altra bomba esploderà. Ordina a McClane di andare ad Harlem con un cartello che dice "I Hate N **** rs". La polizia fa cadere McClane a Harlem vestito solo nel segno e nei suoi pugili. Prima che McClane possa essere attaccato da una banda di strada, un proprietario del negozio eletrico locale, Zeus Carver, interviene e lo salva.

Giocando con McClane e rivelazione del suo pianoModifica

I due tornano al quartier generale della polizia. "Simon", infastidito dal fatto che Carver abbia interferito con il suo "piano ben fatto", manda sia Carver che McClane in una selvaggia caccia all'oca intorno a New York, raccontando loro la posizione delle bombe che esploderanno se i due non le raggiungeranno e risolvi gli indovinelli di Simon. "Simon" viene alla fine rivelato come Simon Gruber, il fratello maggiore di Hans Gruber, che McClane ha abbandonato la 32a storia della Nakatomi Plaza. Ha scelto McClane per il suo coinvolgimento nella morte di suo fratello, e all'inizio sembra che la sua motivazione principale sia la vendetta. In seguito diventa chiaro, tuttavia, che Simon condivide il pragmatismo di suo fratello; non è interessato al terrorismo e in realtà intende rubare $ 140 miliardi di lingotti d'oro dalla Federal Reserve Bank. Le bombe sparse per la città non fanno altro che distrarre.

Confrontarsi con McClane per la prima voltaModifica

Simon Gruber

Simon Gruber durante il suo primo incontro con John McClane e Zeus

Quando l'oro viene rubato e depositato in camion, gli scagnozzi di Simon fuggono in Canada, mentre Simon rimane indietro con la sua guardia personale. Simon informa la polizia che l'oro è su una nave al largo di Long Island, che intende far saltare in aria, distribuendo così l'oro attraverso il fondo del mare. Tuttavia, la nave contiene solo rottami metallici, mentre l'oro è in autocarri con cassone ribaltabile diretto in Canada. Quando McClane e Carver effettuano un attacco sulla barca, vengono catturati e ammanettati a un palo, con la bomba destinata a far saltare la nave direttamente accanto a loro. Simon rivela che mentre odiava suo fratello, ucciderà comunque McClane per aver ripetutamente interferito con i suoi piani (ammette anche che voleva vendicarsi per la morte di suo fratello: "C'è una differenza, sai, tra non apprezzare il fratello e non preoccuparsi quando qualche stupido piedipiatti irlandese lo fa cadere da una finestra. "). Quindi parte per il Canada con il resto dei suoi scagnozzi, lasciando McClane e Carver a morire sulla barca.

Fuga in Canada, scontro finale e morteModifica

Simon's death

Simon viene fulminato all'interno del suo elicottero dopo che McClane abbatte una linea elettrica e alla fine Simon e la sua donna sono morti

In Canada, Simon ei suoi scagnozzi festeggiano la rapina di successo, ma vengono interrotti dalla polizia (inclusi McClane e Carver, che sono fuggiti dalla barca pochi istanti prima che esplodessero). Mentre i soldati partono per combattere la polizia, Simon e la sua ragazza Katya partono in elicottero per uccidere McClane una volta per tutte. Con il pilotaggio di Katya, Gruber spara all'elicottero di McClane con una mitragliatrice M60. Mentre il pilota atterra, McClane va allo scoperto, sapendo che Simon vuole solo ucciderlo. Simon punta McClane ma prima che possa ucciderlo, McClane spara una miccia su una linea elettrica dicendo a Simon "Saluta tuo fratello", mandando un filo in tensione nelle pale rotanti dell'elicottero, fulminando Simon e Katya e provocandoli per schiantare l'elicottero in un traliccio che poi esplode.

Finale alternativoModifica

Nel finale originale, Simon riesce nel colpo e McClane è lasciato a prendersi la colpa. Simon viene quindi visto seduto in un caffè segreto da qualche parte in Europa. Appare McClane e dopo l'iniziale schermaglia, McClane costringe Simon a disarmare con una sua bomba, poi gioca a "McClane dice", il che implica che Simon gira un lanciarazzi cinese modificato, che ha rimosso i suoi riferimenti direzionali e per rispondere indovinelli. Simon risponde presto a un enigma sbagliato ed è costretto a fare la pistola per sparare il lanciarazzi. Spara in direzione di Simon, uccidendolo. McClane aveva indossato una giacca antiproiettile, nel caso fosse stato sparato nella direzione opposta.

PersonalitàModifica

Come suo fratello, Simon è un assassino estremamente insensibile, implacabile e insensibile, che è tuttavia gentile, assertivo, rispettabile, ben parlato, compiacente e ben educato. A differenza di Hans (e della maggior parte dei cattivi di Hollywood, comunque), Simon possiede una misura di moralità e onore; si accerterà deliberatamente che nessun bambino innocente sarà (direttamente) danneggiato dalle sue azioni, anche se comprometterà la missione a portata di mano. Questo senso dell'onore sembra essere condiviso dai suoi uomini. Si unisce anche e approva il lutto per gli uomini persi nella battaglia contro Mclane, apparentemente sinceramente rattristato dalla loro morte. Se è mai stato sconfitto in uno schema e in un combattimento da pari a pari, come McLane, mostra genuino rispetto per il coraggio e l'intraprendenza del suddetto nemico. L'orgoglio personale di Simon nel suo senso dell'onore è riassunto dalla sua risposta alla sorpresa di Mclane che nessuna vera bomba è stata piantata nelle scuole "Sono un soldato, non un mostro, anche se a volte lavoro per i mostri".

Inoltre, a differenza di suo fratello che era molto più esperto di tattica e stratega, Simon sembrava essere il maestro della guerra psicologica che gli dava la possibilità di giocare a giochi mentali con la sua nemesi; John McClane e lo manipolò per risolvere i suoi giochi che preparò per lui e Zeus in cambio del disarmo delle sue bombe che segretamente piantò in tutta New York.

banalitàModifica

  • Come suo fratello, Simon ha usato una falsa identità con il nome "Peter Krieg" perché il suo secondo nome è Peter.