FANDOM


“ Vigliacco miserabile! Ritorna e guardami come un uomo! “

~ Van Pelt

Hunter Van Pelt

Van Pelt è il principale antagonista del film fantasy live action del 1995, Jumanji. È un cacciatore che risiede nel gioco da tavolo maledetto, Jumanji . Indossa anche un'uniforme da cacciatore con un elmo Pith.

È stato interpretato da Jonathan Hyde nel film (che ha anche interpretato il padre di Alan, Sam Parrish nel film), e doppiato da Sherman Howard nella serie animata.

RuoloModifica

FilmModifica

Van Pelt viene presentato per la prima volta dopo uno dei turni di Alan su Jumanji , che libera il cacciatore, che inizia immediatamente a inseguirlo. Dice a Sarah che non le ha sparato perché "Non hai tirato i dadi, Alan ha" sottintendendo che sta dando la caccia ad Alan perché Alan lo ha rilasciato dal gioco (come parte delle regole). Si può anche notare che una parte del motivo per cui Van Pelt gli sta dando la caccia perché Alan non è abbastanza uomo per affrontarlo, dal momento che Alan è sempre scappato da lui come un vigliacco.

Dopo aver esaurito le pallottole, passa la sua arma in un negozio di armi con un cecchino perché i proiettili dell'arma precedente avevano smesso di essere prodotto nel 1903. Tenta di sparare ad Alan da una distanza quando viene catturato da un ufficiale di polizia (la sua infanzia amico), poi insegue Sarah e i bambini per rubare il gioco così Alan verrà da lui per questo, ma il suo piano è stato nuovamente sventato da Peter. La sua prossima apparizione è al culmine, quando tiene sia Alan che Sarah sotto tiro quando sta per lanciare i dadi.

Quando Van Pelt gli dice di lanciare i dadi, ordina ad Alan di ricominciare a correre di nuovo per poterlo inseguire. Tuttavia, Alan si rifiuta di scappare questa volta, ammettendo che anche se è ancora spaventato, non trova più nel suo cuore di scappare da ciò che ha paura e invece di affrontarlo per farla finita. Impressionato, Van Pelt riconosce Alan di comportarsi come un vero uomo e chiede le ultime parole prima di premere il grilletto. Prima della sua morte, è stato allora che i dadi hanno dato il numero giusto che permette ad Alan di vincere la partita, e una volta che ha detto "Jumanji", tutti gli animali e i pericoli del gioco vengono risucchiati da venti da tornado, incluso Van Pelt stesso, con suo grande sgomento.

Serie animataModifica

Van Pelt ritorna come un cattivo ricorrente nella serie animata basata sul film. Si rivela essere una parte del gioco, e quando in realtà muore in un episodio, Peter inizia a diventare lui a poco a poco, ma viene salvato da Alan e Judy. Le sue ultime apparizioni riguardano solitamente la caccia agli eroi e il fallimento costante. A differenza della sua versione cinematografica, che è onorevole nonostante la sua spietatezza, questa versione del personaggio è notevolmente più squilibrata e crudele.

PersonalitàModifica

Van Pelt è vanitoso, insignificante, avido, egoista, maleducato, diabolico, arrogante, omicida, iniquo, distruttivo, infido, sanguinario, manipolatore, sconsiderato, senza scrupoli, egoista, traditore, persuasivo, spietato, sadico, astuto, pomposo, sinistro, poco gentile , crudele e maleducato, cercando a tutti i costi di cacciare la sua preda fino alla fine. Caccia uomini e animali per mostrarli sul suo muro. I suoi costanti tentativi di cacciare Alan potevano essere associati alla vigliaccheria di Alan, o ai gusti di Van Pelt per la caccia umana. Nella serie, visto che è parte del gioco e, a differenza del film, non lascia mai la giungla, la sua morale e il suo ruolo sono ancora più contorti.

Dato che è una parte vitale del meccanismo del gioco, se muore in qualche modo (può, infatti, morire nella serie animata, anche se è molto difficile farlo), il vincitore proverà immediatamente il suo ruolo (che è quasi accaduto a Peter ). Inoltre, più avanti nella serie, e non molto diverso dal film, inizia a imparare i meccanismi del gioco. Anche se, in questo caso, poiché non ha mai lasciato la giungla, lo capisce un po 'di più, sapendo esattamente come agire secondo le regole e persino usarlo a suo vantaggio. La sua parola più usata è "Blast!", In particolare quando qualcosa va storto.