FANDOM


Whisper (Earl Jolly Brown) - Profile

Whisper, noto anche come The Whisper, è un antagonista di supporto del romanzo di Ian Fleming James Bond del 1954, Live and Let Die, adattato per il film del 1973 con lo stesso nome. È uno degli scagnozzi di Mr. Big , il principale antagonista della storia. È stato interpretato dal compianto attore Earl Jolly Brown.

StoriaModifica

Nel romanzoModifica

Whisper nacque su "Lung Block", sulla Seventh Avenue, sulla 142nd Street, dove la morte per tubercolosi era doppia rispetto a qualsiasi altra parte di New York. Durante la sua infanzia, la voce tranquilla di Whisper viene attribuita a un attacco di tubercolosi durante l'infanzia, da cui è stato necessario rimuovere un polmone e mezzo, lasciandolo con solo mezzo polmone con cui respirare e parlare. Più tardi, Whisper divenne un assistente della banda di Harlem diretta da Mr. Big, che lavorava come messaggero telefonico. Quando Bond fugge dagli uomini di Mr. Big, Whisper viene inviato per inseguirlo, anche se senza successo. Viene arrestato alla fine del romanzo dopo la morte di Mr. Big.

Nel filmModifica

Quando la medium Solitaire dice a Kananga che James Bond sta venendo per lui, Kananga manda Whisper a fermare l'agente. Mentre Bond viene catturato da un agente della CIA e guida oltre l'autostrada, Whisper guida e uccide l'agente della CIA con una pistola da dardo nascosta nel suo parabrezza. Tuttavia, Bond è in grado di afferrare la ruota e guidare l'auto in sicurezza. Quindi chiama Felix e gli parla della morte dell'agente. Descrive anche l'auto dell'assassino a Leiter. Leiter in seguito rintraccia l'auto in un negozio di voodoo e manda Bond lì. Mentre era nel negozio di voodo, in qualità di cliente, Bond testimoniò che Whisper arrivava e andava nel retro del negozio. Seguendolo, Bond entra in un garage dove trova la macchina di Whisper. Viene poi disturbato da Kananga e dai suoi collaboratori, che arrivano al parcheggio e partono in auto. Bond li segue.

Seguendo Kananga fino a San Monique, Bond effettua il check-in in un hotel sull'isola e ordina champagne al servizio in camera. Mentre Bond fa il bagno, Whisper arriva con lo champagne. A causa della sua voce dolce, Bond ha difficoltà a capire l'uomo. Mentre Bond sta pagando Whisper per lo champagne, qualcuno getta un serpente velenoso nel bagno di Bond, ma in seguito Bond lo uccide con l'aiuto di un sigaro e deodorante.

Dopo aver catturato Bond nella sua base sotterranea, Kananga prende la pistola di Bond, chiedendo cosa fa. Bond risponde che è una pistola di squali che spara pallet di gas compresso. Per il suo stesso divertimento, Kananga spara con la pistola contro il divano a cui è seduto Whisper, facendolo gonfiare enormemente fino a quando non esplode, facendo cadere a terra Whisper scioccato.

Dopo aver gongolato su Bond, Kananga lega lui e Solitaire su cui, pensando di farli mangiare dagli squali. Whisper inizia quindi ad abbassare l'argano in acqua e apre un cancello subacqueo, attraverso il quale entrano gli squali. Con il dispositivo magnetico nascosto nel suo orologio, Bond ottiene la pallina di gas con cui Kananga ha giocato prima. Bond usa anche il suo orologio per liberarsi dalle corde. Saltando a terra, corre verso Kananga. Whisper cerca di avvertire il suo padrone, ma a causa della sua voce bisbigliante, Kananga non riesce a sentirlo. Bond cade Whisper in una delle capsule metalliche a tenuta d'aria usate per mantenere l'eroina asciutta e impegna Kananga. Non si sa cosa sia successo a Whisper dopo questo.

GalleryModifica