FANDOM


Zao

Zao è l'antagonista terziario del film Die Another Day del 2002 di James Bond. È il braccio destro del colonnello Tan-Sun Moon, anche dopo che è diventato Gustav Graves . È interpretato da Rick Yune, che ha anche interpretato Kang e Johnny Tran .

StoriaModifica

Sconfitta alla base di MoonModifica

Bond in origine incontra Zao nella Corea del Nord, dove Bond arriva travestito da contrabbandiere di diamanti per un accordo con il colonnello Tan-Sun Moon, che vende armi ad alta tecnologia. Non fidandosi di Bond fin dal primo momento, Zao controlla la sua identità con il socio occidentale di Moon e scopre che Bond è una spia inglese inviata per uccidere Moon. Quando dice a Moon di questo, Luna fa esplodere l'elicottero in cui è arrivato Bond e progetta di uccidere anche Bond, ma Zao viene quindi chiamato dal padre di Moon, il generale Moon, che gli dice che arriverà presto alla loro base. Moon e i suoi uomini lasciano quindi rapidamente la base con gli hovercraft e le armi, in modo che suo padre non scopra la sua arma. Lascia che Bond venga ucciso dai suoi uomini ma l'agente scappa facendo esplodere la valigia di diamanti, facendo cadere Zao e gli altri soldati coreani, e fuggendo con l'ultimo hovercraft rimasto.

Scambiato per BondModifica

Zao è stato catturato qualche tempo dopo dal servizio segreto britannico, mentre stava per far saltare un vertice tra Cina e Corea del Sud, uccidendo tre agenti cinesi prima di essere catturato.

Inizialmente credendo di essere giustiziato, Bond è sorpreso quando i soldati invece se ne vanno, lasciandolo da solo sul ponte. Una voce poi dice a Bond di continuare a camminare tramite l'altoparlante in inglese. Quando continua a camminare verso l'altra estremità del ponte, una figura emerge dalla nebbia, avvicinandosi a lui. Bond riconosce Zao, vestito in abiti da prigione occidentali. Bond si rende conto che deve essere scambiato con Zao, che ora è sfigurato mentre i diamanti della valigia esplosa sono ora incisi permanentemente sul suo volto. Entrambi si fermano un momento per minacciare il loro avversario, e poi Zao continua a camminare verso la parte coreana mentre Bond ritorna alla sua gente.

Dopo essere fuggito dall'MI6, che pensa che Bond abbia dato informazioni critiche mentre era interrogato, Bond incontra un agente cinese, sostenendo che ucciderà Zao per loro se riusciranno a farlo entrare in Corea del Nord. Quando gli viene chiesto cosa c'è in esso per lui, Bond risponde che Zao ha le informazioni di cui ha bisogno, vale a dire l'identità della fonte di Moon in Occidente. L'agente lascia la stanza per discutere della situazione con Pechino, e torna a Bond, mandandolo a Havanna invece della Corea del Nord, visto che Zao è stato avvistato lì.

Clinica a CubaModifica

Le fonti di Bond a Havanna portano Bond ad una clinica privata a Los Organos, dove si suppone che Zao si trovi. Arrivato alla clinica, Bond trova un tratto speciale dietro una porta nascosta. Lì, trova Zao, che è nel bel mezzo di un processo per alterare il suo aspetto per farlo sembrare di eredità europea. Zao è incosciente, con un messaggio registrato che lo indottrina alla sua nuova identità e lingua mentre dorme. Tuttavia, Bond sveglia Zao con l'intenzione di scoprire chi sta pagando le modifiche di Zao poiché pensa che questa persona sia la stessa che lo ha messo in Corea del Nord. Zao calcia e si cimenta in un breve combattimento con Bond in cui Bond è in grado di afferrare la collana di Zao e strapparla via. Zao fugge dalla stanza. Inseguito da Bond e dall'agente Jinx, riesce ad arrivare al suo elicottero di fuga e fugge dalla clinica mentre viene colpito da due agenti.

Mentre investigava la fiala che Zao portava al collo, Bond scopre che contiene diamanti di sangue della Sierra Leone, incide con il marchio del mercante di diamanti Gustav Graves.

Catturare JinxModifica

Quando Bond arriva a casa di Graves in Islanda, un palazzo fatto di ghiaccio puro costruito solo per la dimostrazione di Icaro, viene accolto da Graves. Mentre gli ospiti si intrattengono dentro, Graves sta usando la sua macchina dei sogni. È interrotto da un uomo che si rivela essere Zao. Vedendo il suo vecchio amico per la prima volta dopo la partenza di Zao, Graves guarda il suo viso non finito e gli chiede chi lo ha fatto. Zao risponde che è il lavoro di Bond e Graves gli dice allegramente che ha incontrato Bond e Bond non lo ha riconosciuto affatto. Graves chiede a Zao notizie di suo padre e Zao gli dice che il generale Moon piange ancora la sua morte.

Quando Jinx, che ha anche raggiunto l'isola, irrompe nel complesso in cui si trovano le camere di Graves per uccidere Zao che si aspetta di trovarlo sotto la maschera della macchina dei sogni. Tuttavia, quando si toglie la maschera, Zao la guarda e Graves la attacca da dietro, indossando il prototipo del suo completo Icarus. Graves mette fuori gioco Jinx. Quando Jinx si sveglia, è legata a una sedia in una parte diversa del complesso. Zao, che ha ricevuto l'abito di Icarus per interrogare Jinx, la tortura per la prima volta con l'elettricità creata dalla tuta, poi le chiede perché è venuta ad ucciderlo. Ottenendo solo insulti da lei, Zao dice allo scagnozzo di Graves, il signor Kil, di attivare i laser che circondano la sedia per far parlare Jinx. Quando Jinx alla fine esce dal dolore senza aver fornito alcun segreto, Zao si rende conto che non parlerà e darà a Kil la sua pistola per finirla, ma Kil gli dice che userà il laser. Zao lascia quindi Kil ad esso ed esce dalla stanza.

Dopo che Bond ha ucciso il signor Kil e salvato Jinx, lei gli dice che Zao è qui e che ha portato la macchina dei sogni da Cuba. Tuttavia, alla fine, rendendosi conto di chi è veramente Graves, risponde che Zao non ha portato la macchina, è stata portata qui in precedenza dal maestro Tan-Sun Moon di Zao, ora sotto il nome di Gustav Graves.

Cacciare Bond sull'IslandaModifica

Quando Bond viene catturato da Graves e sta per essere ucciso, Bond spinge Zao a colpirlo nello stomaco per permettergli di cadere a terra. Usando un anello speciale che ha ricevuto dal quartiermastro dell'MI6, rompe il pannello di vetro che copre l'intero piano per cadere nel piano inferiore. Mentre Bond scappa, Graves ordina a Zao di seguirlo e ucciderlo, ma Bond scappa con lo speeder di Graves, guidando verso le pianure ghiacciate a una velocità folle. Quando Zao ritorna e dice a Graves che Bond è fuggito, Graves decide di scatenare Icaro.

Mentre Graves caccia Bond con Icarus, Zao e Miranda vanno nella stanza in cui Jinx viene imprigionato per ucciderla. Quando aprono la porta, Zao viene immediatamente preso a calci in faccia, ma Miranda gli impedisce di strappare la vendetta. Dopo aver detto a Jinx che Bond è fuggito per salvarsi la pelle, chiudono di nuovo la porta per uccidere Jinx con la distruzione del palazzo.

Quando credono che Bond sia morto, Graves lascia Zao con una forza minima per vegliare sugli ultimi preparativi al palazzo, con l'intenzione di seguirlo dopo che avranno finito. Zao, Frost e il resto poi partono in aereo.

Gara del ghiaccio e morteModifica

Quando Bond, nascosto nella sua auto invisibile, cerca di trovare la posizione di Jinx, uno degli uomini di Zao si schiaccia contro di lui con il suo snowboard. Vedendo questo, Zao si rende conto che Bond è tra loro. Bond scaccia, ma viene perseguito da Zao, che guida un'auto altrettanto potente e modificata. Potendo vedere Bond attraverso la visione termica della sua macchina, Zao spara a Bond con mini-cannoni attaccati alla sua macchina, causando il malfunzionamento della modalità mimetica di Bond. Correndo l'uno sull'altro sul lago ghiacciato, Bond e Zao si sparano a vicenda con missili ma mancano. Zao riesce a girare la macchina di Bond ma Bond si rialza espellendo il sedile del passeggero.

Durante la gara, Bond vede che Graves ha attivato Icarus e l'ha puntato al palazzo del ghiaccio, in cui Jinx è ancora prigioniera. Seguito da Zao, guida verso il palazzo e sfonda le porte d'ingresso. Dentro, Bond sale una rampa per il primo piano dove aspetta Zao. Quando Zao arriva, vede la macchina di Bond parcheggiata davanti a lui. Spingendo le lame sul davanti della sua auto, Zao guida Bond, con l'intenzione di impalarlo. Quando Bond usa di nuovo la sua modalità mimetica, Zao è ancora fiducioso perché sa che Bond è invisibile senza alcuna possibilità di sparire, ma Bond usa delle punte speciali per far salire parzialmente il muro, il che fa sì che Zao guidi vorticosamente oltre il bordo del balcone. quale Bond aveva aspettato. Sbucando attraverso il ghiaccio nell'acqua sottostante, Zao riesce ad uscire dalla sua auto, ma quando raggiunge la superficie, Bond spara un lampadario di ghiaccio che cade su Zao e lo impala, uccidendolo.

GalleryModifica